Chi non desidera un sorriso perfetto? Per averlo e soprattutto mantenerlo, è fondamentale una corretta idratazione. In giusto apporto di acqua, infatti, aiuta a mantenere i denti sani ed è un supporto ulteriore alla corrette igiene orale. L’acqua  contribuisce alla pulizia di tutta la bocca rimuovendo eventuali residui di cibo, batteri, zuccheri o acidi, capaci di generare potenziali problematiche a denti e gengive. Ancora, il nostro pH può essere alterato da alcuni alimenti, e proprio l’acqua è in grado di ristabilirlo.

Il pieno di calcio e fluoro
Come spiega all’Ansa Umberto Solimene, dell’Università degli Studi di Milano, ed esperto dell’Osservatorio Sanpellegrino “Sono numerosi gli alimenti e le bevande, che ingeriamo ogni giorno, capaci di danneggiare i nostri denti. Per esempio  sostanzecome caffè, bevande con coloranti o il fumo, possono contribuire all’ingiallimento o all’erosione dello smalto”. E “bere la giusta quantità di acqua può aiutarci nella prevenzione di tali danni. Oltre a garantire una maggiore pulizia nella cavità, l’acqua – aggiunge -, contenendo sostanze come calcio e fluoro, favorisce un sano sviluppo dei denti e il rafforzamento dello smalto (costituito al 96% da calcio). Questi due elementi hanno, inoltre, un ruolo fondamentale nella prevenzione delle carie, basta assumerne la corretta quantità, che può variare in base a età e condizioni fisiologiche: circa 0,5 – 1,5 grammi di calcio e 0,7 mg/l di fluoro. L’acqua è in grado di rispondere prontamente a questo fabbisogno. Per esempio, anche solo bevendone 1,5l, è possibile assumere oltre il 30% del fabbisogno di calcio giornaliero” .