Lavarsi il viso con cura è la prima regola per garantirsi una pelle bella: in questo modo, infatti, si eliminano tutte le impurità, compresi smog e batteri. Sembra facile, ma anche per questa semplice routine ci sono delle domande a cui rispondere per ottenere il risultato migliore: acqua calda o acqua fredda? E quante volte al giorno?

I benefici dell’acqua fredda
Scegliere l’acqua fredda per lavarsi il viso implica diversi benefici, a cominciare da una sorta di protezione contro l’acne. L’acqua calda, infatti, è vero che elimina le sostanze grasse prodotte proprio dall’epidermide, ma per questa ragione – ottenendo l’effetto opposto – potrebbe incentivare la pelle a produrne ancora di più, provocando così gli odiosi punti neri e una sgradevole lucidità. Ancora, l’acqua fredda non fa dilatare i capillari, quindi contrasta gli arrossamenti.

Una giusta via di mezzo
Diversi esperti, come segnala Healthline, suggeriscono di iniziare la detersione con l’acqua appena tiepida, così da rimuovere tutte le tracce di trucco e le impurità che potrebbero essersi deposte sul volto durante la giornata. Poi, si procede con un abbondante risciacquo con acqua fredda, in modo da far restringere i pori e favorire la circolazione sanguigna per un colorito sano e naturale. Infine, quando lavarsi il viso? Come dicevano le nonne, bisognerebbe sciacquarsi la faccia sia la mattina appena svegliati e la sera prima di andare a letto.