Un colorito dorato, sano, che subito fa apparire più belli: è la “magia” dell’abbronzatura, uno dei regali più preziosi dell’estate. Ora che siamo quasi tutti ritornati al solito tran tran e al massimo riusciamo a concederci ancora qualche weekend all’aria aperta, come possiamo fare per mantenere questo fantastico effetto il più a lungo possibile? Ecco qui le risposte: facili “trucchetti” per conservare una pelle ambrata e allo stesso tempo morbida e in salute.

Acqua calda per la doccia? No grazie
L’acqua calda può disidratare la pelle, favorendo il processo di desquamazione e quindi “lavando” via l’abbronzatura. Meglio quindi concedersi docce con acqua non bollente, meglio ancora se fresca, utilizzando un detergente delicato e non aggressivo.

Scrub per una pelle splendente
Anche se potrebbe sembrare un controsenso, effettuare uno scrub periodico aiuta a conservare l’abbronzatura, eliminando le cellule morte e soprattutto evitando lo sgradevole effetto a chiazze. Esistono in commercio degli scrub particolarmente delicati, che oltre a esfoliare leggermente idratano l’epidermide.

Idratazione dentro e fuori
Finita la bella stagione e finiti i bagni di sole, è arrivato il momento di passare ai bagni di… crema o olio idratante. In questo modo la pelle conserverà l’abbronzatura più a lungo senza squamarsi. Allo stesso modo, è importante idratarsi dall’interno: bere molta acqua (solo acqua, non bibite gassate o alcolici) fa sì che le cellule, comprese quelle epiteliali, possano godere di ottima salute senza “seccarsi”. Tra l’altro, l’idratazione è una potente alleata del buon umore: un bicchiere d’acqua in più serve anche a tenere alla larga la malinconia da fine vacanza.