Eugenio Finardi

Sapersi lasciar andare, scivolando su tutto. Ma anche essere in grado di superare gli ostacoli, fino ad arrivare alla meta, in questo caso il mare. O, ancora, avere la possibilità di scegliere cosa essere – acqua, ghiaccio e vapore – e se ricominciare. Sono le immagini usate dal cantautore Eugenio Finardi nel 1979, nel suo famoso singolo Canzone dell’acqua.

Vorrei essere come l’acqua
Ecco qualche strofa della canzone:
Vorrei essere come l’acqua
Che si lascia andare
Che scivola su tutto
Che si fa assorbire
Che supera ogni ostacolo
Finché non raggiunge il mare
E li si ferma a meditare
Per scegliere
Se esser ghiaccio o vapore
Se fermarsi o
Se ricominciare…

Foto: Fabriziofenucci – Hasselblad H2 – Phase One P45+