Spazzolino, dentifricio e collutorio non sono le uniche “armi” a disposizione per una buona igiene orale e per prevenire carie e danni ai denti. Anche l’acqua è fondamentale. Innanzitutto, assumerne la giusta quantità aiuta ad evitare la secchezza orale e l’alitosi, favorendo anche l’idratazione gengivale. Inoltre, bere correttamente aiuta a ristabilire il pH della cavità orale, che può essere alterato dall’assunzione di alcuni cibi. Caffè, bevande con coloranti e fumo sono autentici nemici del sorriso (e della salute), perché contribuiscono all’erosione dello smalto, ma il loro effetto può essere contrastato e ridotto anche dall’acqua, che innanzitutto contribuisce alla pulizia di denti e gengive.

Il ruolo dei sali minerali
Inoltre, il calcio e il fluoro contenuti nell’acqua favoriscono nei bambini un sano sviluppo dei denti e il rafforzamento dello smalto, che è costituito al 96% da calcio. E proprio questi due elementi sono fondamentali nella prevenzione delle carie, purché assunti correttamente. Il fabbisogno varia infatti in base all’età e alle condizioni fisiche, ma si calcola che circa un terzo possa essere soddisfatto da un’idratazione corretta.