Per fortuna sono sempre di più gli italiani che preferiscono l’acqua del rubinetto a quella imbottigliata: è controllata, sana, ecologica e conveniente. E ovviamente, per servirla a tavola, si utilizzano brocche o bottiglie di vetro. Tutto positivo, si fa del bene all’ambiente e anche alla propria salute. Ma, per non correre mai nessun rischio, è importante lavare periodicamente questi recipienti, perchè altrimenti c’è il rischio di contaminazione da parte di germi e batteri. La procedura è facilissima, e tutta naturale: bastano pochi minuti per igienizzare a fondo la brocca così da avere sempre la sicurezza di bere la migliore acqua, nelle condizioni migliori.

Cosa serve per una pulizia… trasparente
Per la pulizia quotidiana, è sufficiente disporre di un normale detersivo per i piatti e di uno spazzolino o scovolino se l’imboccatura è stretta. Basta riempire la bottiglia con acqua tiepida e una goccia di detersivo per piatti. Usando la spazzola, occorre strofinare le pareti e il fondo della bottiglia, assicurandosi di pulire non solo l’interno, ma anche il bordo e l’esterno. Una volta lavata, la brocca va risciacquata con cura. Poiché i batteri prosperano in un ambiente umido, è buona norma asciugare la brocca con della carta da cucina o con un canovaccio pulito.

Per una pulizia più profonda
Per un lavaggio meno frequente, utile per eliminare anche eventuali tracce di calcare, si può riempire la brocca di acqua fredda aggiungendovi qualche goccia di aceto. Si lascia riposare questa miscela per una notte, prima di risciacquare accuratamente o, se le dimensioni lo consentono, di lavare in lavastoviglie.