Pochi oggetti fanno “casa” come la borsa dell’acqua calda. Nei nostri ricordi di bambini, la mamma – o la nonna – ci allungava la boule per curare pressoché ogni piccolo malanno. Ma questa tecnica antichissima – è un rimedio fin dalla notte dei tempi – funziona davvero? E se sì, per cosa è più indicata? Bene, la risposta conferma ancora una volta che la saggezza popolare difficilmente sbaglia: la borsa dell’acqua calda può essere effettivamente utile a trattare diversi tipi di dolore. Vediamo quali.

Contrazioni e spasmi muscolari
Fermo restando che il calore non va mai utilizzato in caso di infezioni o infiammazioni (in questi frangenti serve il freddo), la boule tiepida può servire per rilassare i muscoli, ad esempio in caso di crampi o spasmi. Allo stesso modo, la borsa dell’acqua calda è una preziosa alleata se si soffre di contratture al collo e alle spalle causate dallo stress. In poco tempo dall’applicazione, il dolore si attenuerà.

Mal di schiena e dolori mestruali
Il mal di schiena, soprattutto quello lombare, rappresenta un fastidio che colpisce milioni di persone. L’applicazione di una borsa dell’acqua calda sulla zona “incriminata” per un massimo di 15 minuti ogni ora può aiutare ad alleviare il male. Lo stesso rimedio funziona bene anche per i dolori mestruali: una boule calda sulla pancia aiuterà a sentirsi meglio velocemente.

Problemi di digestione
Mai come in questo periodo, si rischia di eccedere a tavola e di mettere a dura prova il nostro stomaco. In caso di digestione difficile, è dimostrato che tenere una borsa dell’acqua calda sulla pancia per 20-30 minuti dopo aver mangiato aumenta la produzione di acido cloridrico che a sua volta aiuta la digestione. Piacevole e utile, quindi!

Difficoltà ad addormentarsi
Acqua calda anche per l’insonnia? Sì! I ricercatori del Laboratorio del sonno di Basilea hanno scoperto che una borsa dell’acqua calda posizionata sui piedi attiva il meccanismo del buon riposo. Riscaldare i piedi (e anche le mani) con una boule dell’acqua calda è un ottimo sistema per conciliare il sonno e dormire bene.