Sappiamo tutti che dovremmo bere più acqua, soprattutto in estate, ma è più difficile di quanto sembri. Pensiamo alla routine quotidiana di quasi tutti noi: ci svegliamo, un caffè per colazione, poi al computer… e arriva l’ora di pranzo senza che si abbia bevuto un solo goccio d’acqua. No, non va. Tutti i nutrizionisti e gli esperti concordano nell’affermare che un corretto apporto di acqua possa aiutare a stare bene, migliorando i processi digestivi, mantenendo i tessuti sani, ma anche aumentando il livello di energia e la capacità di concentrazione. E poi, ultimo aspetto mai così importante come in questo periodo, bere acqua è utilissimo per contrastare il senso di fame e aiutare a perdere qualche chilo di troppo. Così, mentre siamo tutti focalizzati su ciò che mangiamo, non lo siamo su cosa e quanto beviamo. Risultato? Molti di noi sono disidratati e non ne sono consapevoli.

La formula dell’acqua
Per conoscere quanta acqua dovremmo bere quotidianamente esiste una formula matematica: 30ml x kg di peso corporeo = ml al giorno. Pertanto una donna di 50 chili dovrà consumare circa 1 litro e mezzo, mentre una persona di 80 chili circa 2 litri e mezzo. Le quantità però cambiano se si fa sport o attività fisica: per una sessione di esercizi “moderati”, ad esempio, bisognerà prevedere almeno mezzo litro di acqua in più. Per massimizzare il risultato, l’acqua dovrebbe essere leggera, pura, con il corretto apporto di sali minerali: esattamente quella che si ottiene a casa con i purificatori a osmosi inversa di IWM, sistemi sostenibili e performanti che si installano direttamente sotto il lavello della cucina.

Una “gara” con se stessi
Per imparare a bere correttamente, ci si può cimentare in una sfida con se stessi cadenzando la giornata con l’appuntamento con l’idratazione. La Water Challenge prevede di bere un bicchiere d’acqua al mattino, quando ci si sveglia, poi un altro prima di pranzo e altri due nel pomeriggio. In più, andrebbero aggiunti un paio di bicchieri durante i pasti principali e uno ancora prima di andare a dormire. Una sorta di routine dell’acqua per stare bene, tutti i giorni e tutto il giorno.