Piccola Venezia, Venezia d’America, Venezia del Nord… nel mondo si sprecano i richiami alla città sull’acqua più famosa di sempre. Uno di questi potrebbe essere speso per Alesund, bellissima cittadina portuale norvegese che sorge nella parte sud-occidentale del Paese, ma…. in realtà Alesund non assomiglia a nessun altro posto del mondo. Sicuramente è vero che è una città d’acqua, protesa com’è sulle acque gelide dell’oceano Atlantico e addirittura costruita su 7 piccole isole collegate tra loro. Ma ha un carattere e un’atmosfera assolutamente unica, a causa della sua storia e delle scelte architettoniche fatte nei secoli. Costruita interamente in legno come si faceva da queste parti, nel 1904 la cittadina fu quasi interamente divorata dalle fiamme divampate da una fabbrica di conserve. Bruciarono circa 850 edifici e 10.000 persone rimasero senza casa. L’imperatore Guglielmo II di Germania, che veniva in vacanza in questa regione della Norvegia, inviò quattro navi cariche di aiuti per la città. In brevissimo tempo Alesund venne interamente ricostruita in stile Jugendstil, o Art Nouveau da architetti norvegesi decisi a ridurre il rischio di ulteriori incendi, e quindi con grande impiego, per l’epoca e il luogo, di mattoni, pietra e ferro. Dovendo “ricominciare da capo” gli architetti realizzarono un tessuto urbano coerente e unico, per l’originale rivisitazione di elementi usati in Germania, Francia, Spagna e Scozia.

Art Nouveau e fiordi
Per saperne di più sull’architettura di Alesund e sulla sua storia si può fare una tappa al Centro Art Nouveau, un museo dedicato al patrimonio architettonico cittadino ospitato nell’Apothek, la vecchia ed elegante farmacia in stile liberty che conserva ancora banconi di legno e vecchi contenitori di erbe e medicinali. Alesund è inoltre un perfetto punto di partenza per visitare Geirangerfjord, il bellissimo fiordo iscritto nel 2005 nella lista del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, e l’isola di Runde. Collegata alla terraferma da un ponte, l’isola è un piccolo paradiso ornitologico. Ospita infatti mezzo milione di uccelli marini di 230 specie diverse, fra cui 100.000 coppie di pulcinella di mare, uccelli migratori che arrivano in aprile, si accoppiano e partono verso la fine di luglio.