Oggi, venerdì 31 maggio, cade la 31aGiornata mondiale senza tabacco e per l’occasione gli ospedali Humanitas danno vita alla campagna di sensibilizzazione sui rischi associati al fumo e dedicata alla prevenzione delle patologie polmonari.
Non è una sfida facile, come spiega la dottoressa Licia Siracusano, Responsabile del Centro Antifumo di Humanitas: “Smettere di fumare è una sfida impegnativa. La maggior parte delle persone si sente scoraggiata e ha paura di affrontare le situazioni di ogni giorno senza la sigaretta. Intraprendere un percorso di disintossicazione significa togliere un gesto, il proprio momento dedicato al fumo. Per questo abbiamo deciso di creare una campagna che con un linguaggio semplice e pratici trucchi, offra un supporto per smettere di fumare e non ricadere in questo vizio”.

Un bicchiere d’acqua rende tutto più facile
Ai fumatori che entreranno oggi negli ospedali Humanitas e in Humanitas University verrà lanciata la sfida “Spegni la tua voglia di fumare con un sorso d’acqua”: a tutti coloro che vorranno partecipare verrà chiesto di buttare la propria sigaretta per ricevere in cambio una bottiglietta d’acqua. “Bere un sorso d’acqua ogni volta che si avverte il desiderio di fumare aiuta a controllare questo desiderio, allevia la secchezza della gola e delle fauci ma soprattutto aiuta a sostituire la gestualità della sigaretta con una routine salutare”, continua la dottoressa Siracusano. Una sfida che punta ad aiutare i fumatori a cambiare il proprio stile, partendo dall’acqua, un elemento naturale indispensabile per la vita e la salute.