Nel 2016 il lago d’Iseo e la sua Monte Isola sono saliti alla ribalta della cronaca per la spettacolare installazione dell’artista bulgaro Christo, The Floating Piers, che ha attirato in zona circa 1,3 milioni di visitatori. A distanza di 3 anni, la fama della destinazione non accenna a diminuire, come dimostra la candidatura nell’ambito dell’European Best Destination 2019.
Definita dalla legislazione italiana “zona di particolare rilevanza naturale e ambientale”, Monte Isola è una vera e propria montagna che sorge dalle acque, nonché l’isola più alta tra i laghi europei.

Cosa vedere a Monte Isola
Innanzitutto una premessa: l’isola è così piccola che si gira tranquillamente a piedi, in un paio d’ore. Ospita in tutto 11 centri abitati, per un totale di circa 1.800 abitanti, che si spostano in bici, in motorino o con l’autobus di linea che collega le diverse frazioni. Da non perdere il Santuario della Madonna della Ceriola, che si raggiungere con una passeggiata di circa un’ora (4 km) dall’Ufficio Informazioni di Peschiera Maraglio, passando dall’abitato di Cure e dalle splendide frazioni di montagna. Sicuramente da vedere anche la Rocca Martinengo, castello che si erge tra Peschiera e Siviano, con bella vista sul golfo di Sensole.

Come arrivare a Monte Isola
In traghetto, of course, in partenza da Iseo, Pisogne, Lovere, Tavernola Bergamasca, Sarnico e, con servizio diretto , da Sulzano e Sale Marasino. Per arrivare in zona in auto, si esce dalla A4 a Brescia e quindi si seguono le indicazioni per il Lago d’Iseo, scegliendo tra Sulzano, Sale Marasino, Iseo, Lovere, Sarnico, Tavernola. In alternativa, a Iseo, Sulzano e Sale Marasino si può arrivare anche in treno percorrendo la tratta Milano-Venezia, con cambio a Rovato o Brescia da cui si prosegue sulla linea Brescia-Iseo-Edolo.

foto: www.facebook.com/visitmonteisola/