D’inverno, è la bevanda calda perfetta per riscaldarsi e coccolarsi, magari avvolti da un morbido plaid; d’estate, servita fredda, si trasforma nelle bibita per eccellenza delle giornate di sole. Stiamo parlando del tè, un autentico evergreen da gustare con ogni temperatura. Per l’estate, sia per reidratarsi sia per concedersi qualcosa di buono, niente di meglio di un bel tè ghiacciato, rigorosamente fatto in casa. L’importante è scegliere ingredienti di qualità: perfetto un tè verde come il Sencha, Gyokuro o il Matcha, dalle tante proprietà benefiche e antiossidanti e che non assume un retrogusto amaro, e occhio anche all’acqua che deve essere pura e insapore. Per evitare il consumo di quella imbottigliata, riducendo così lo spreco di plastica, si può ottenere l’acqua migliore per ogni preparazione alimentare installando un purificatore a osmosi inversa di IWM direttamente nella propria cucina. L’acqua sgorgherà sana e leggera come quelle delle fonti di montagna.

Si prepara così
Il tè si può preparare sia con infusione a freddo sia a caldo. Nel primo caso, si mettono 2-3 bustine di tè in una brocca riempita di acqua a temperatura ambiente, e si lascia riposare per almeno un paio d’ore. Trascorso il tempo di infusione, la brocca può essere messa in frigo per raffreddarsi. Quando si sceglie la tecnica a caldo, invece, si prepara il tradizionale tè con l’acqua bollente, vi si immergono 2 o 3 bustine di tè verde (o 2-3 cucchiaini) e si aspetta che l’acqua si raffreddi prima di riporta in frigorifero. Un pizzico di succo di limone darà un twist in più alla bevanda e apporterà anche i benefici della vitamina C.

Direttamente in ghiaccio
I giapponesi hanno l’usanza di preparare il tè freddo riempiendo una teiera, in cui sono stati messi un paio di cucchiaini di tè verde, direttamente con del ghiaccio. Lasciato a temperatura ambiente, il ghiaccio si scioglierà e prenderà il gusto del tè preferito, conservando la sua “freschezza”! Ottimo anche con l’aggiunta di qualche fogliolina di menta…