Ipalloncini, proprio quelli amati per le feste dei bambini e le sagre in piazza, possono avere “un impatto negativo sull’ambiente” afferma l’ong Marevivo che lancia la campagna di sensibilizzazione #StopAlVoloDeiPalloncini-Per il mare non è una festa”. In alternativa, per celebrare le occasioni speciali, l’organizzazione suggerisce le bolle di sapone. La presidente della ong Rosalba Giugni annuncia inoltre “un emendamento da inserire nella legge Salvamare che stiamo proponendo ai parlamentari della Commissione Ambiente, per chiedere che venga vietato il rilascio dei palloncini in aria”.

Pericolosi per gli animali marini
Secondo uno studio della University of Tasmania pubblicato da Ocean Conservancy, riferisce l’associazione ambientalista, “i palloncini sono al terzo posto tra i rifiuti più pericolosi per foche, tartarughe e uccelli marini. La plastica morbida che li compone, se ingerita da un animale, ha 30 volte più possibilità di ucciderlo rispetto alla plastica dura come quella delle bottiglie”. Una ricerca dell’Università di Wales Swansea, nel Regno Unito – riferisce ancora Marevivo – ha evidenziato che “i pezzi di palloncino costituiscono l’80% dei rifiuti trovati all’interno lo stomaco delle tartarughe marine analizzate”.