Un museo dell’acqua nel sottosuolo della Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta, sito Unesco di Napoli, chiesa tra le più antiche e preziose della città. Il progetto, che dovrebbe diventare realtà già a ottobre 2020,  si concretizza in un percorso legato all’importanza dell’acqua, che si chiamerà Museo sotterraneo dell’acqua. Come riporta Artribune, questa iniziativa culturale vede come promotori diversi musei e enti locali: Abc (Acqua bene comune, società del Comune di Napoli che gestisce il servizio idrico), il MANN (Museo archeologico nazionale di Napoli), l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte, l’Osservatorio Vesuviano e Pietrasanta Onlus, che ha investito 1.500.000 euro nel progetto di riqualificazione. “Abbiamo bisogno di fare un museo dell’acqua perché il tema deve essere compreso molto bene, soprattutto dalle nuove generazioni”, ha dichiarato a Il Mattino il commissario Abc Sergio D’Angelo. “L’acqua è una risorsa straordinaria, ha una storia che deve essere raccontata e documentata. E si preserva meglio come bene comunque se si può spiegare in tutta la sua bellezza”.

Due grandi cisterne come attrazione

“L’attrazione principale del nuovo progetto saranno le due grandi cisterne, una della capacità di 150 metri cubi e l’altra, la più ampia, larga 10 metri, lunga oltre 20, profonda più di cinque e con una capacità di 400 metri cubi di acqua, chiamata la Piscina del Principe poiché sorge esattamente sotto il palazzo del principe Gaetano Filangieri d’Arianello. Non mancherà l’apparato multimediale e interattivo, con pannelli, infografiche e installazioni per spiegare la storia dell’acquedotto, ruscelli a vista, una illuminazione suggestiva, giochi di luce e suoni che emergono dall’acqua. Si potranno visitare anche le gallerie di tufo, che servirono per proteggere la popolazione dai raid aerei durante la Seconda Guerra Mondiale” scrive ancora Arttribune. Il museo sarà accessibile a tutti grazie a un ascensore interamente in vetro finanziato da Regione Campania, che condurrà a -35 metri sotto la Basilica.

www.polopietrasanta.com