Si cambia, anche nei palazzi che contano, all’insegna della sostenibilità. La Camera dei deputati diventa infatti plastic free, mettendo al bando le bottiglie di plastica per l’acqua. Ora presso i ristoranti, i bar e la buvette di Montecitorio si potrà consumare acqua solo in bottiglie di vetro o proveniente dalla rete idrica pubblica.

Un iter iniziato un anno fa
Da venerdì 19 luglio è infatti in vigore la decisione, adottata dal Collegio dei Questori – si legge nel comunicato dell’Ufficio stampa della Camera – in attuazione di un ordine del giorno presentato durante l’esame in Assemblea del bilancio interno 2018, che prevede l’eliminazione dei contenitori di plastica monouso per l’acqua da tutte le aree di ristoro dei palazzi della Camera. Ristoranti, bar, buvette e sale riunioni degli organi collegiali della Camera potranno utilizzare acqua in vetro o della rete idrica pubblica. E’ diventato realtà, quindi, l’intendimento di rendere plastic free la Camera dei deputati, manifestato sin dall’inizio della legislatura dal Presidente Roberto Fico. Per incentivare gli utenti all’utilizzo dell’acqua proveniente dalla rete pubblica è stato rinnovato e reso più funzionale l’impianto di spillatura che eroga acqua presso il self service di Palazzo Montecitorio, è stato installato un analogo impianto al quinto piano di Palazzo del Seminario e ne saranno installati, entro il mese di luglio, altri due al piano ammezzato semicircolare dell’Aula in sostituzione degli attuali erogatori, che dispensano acqua contenuta in recipienti in plastica.