La dieta dell’acqua calda: no, non è una “fake”, ed è un’abitudine che sta conquistando la fiducia di tantissime persone – soprattutto donne – in tutto il mondo.
Naturalmente, non è una novità assoluta – verrebbe da dire: una scoperta dell’acqua calda… – ma è un sistema effige per depurarsi, purificarsi e magari aiutarsi a ritrovare il peso forma.

In cosa consiste
In estrema sintesi, si tratta di un  regime alimentare equilibrato e ipocalorico, che privilegia il consumo di frutta, verdura, cereali integrali, riso e proteine leggere come quelle del pesce. I pasti vanno suddivisi in cinque al giorno, così da non sovraccaricare il nostro stomaco.

Il ruolo dell’acqua
L’acqua, in una simile dieta, assume un ruolo fondamentale. Innanzitutto l’acqua, calda o fredda, assicura la corretta idratazione, essenziale per garantire un buon funzionamento dell’organismo. Inoltre migliora la digestione, risveglia il metabolismo e aiuta ad eliminare le scorie in eccesso. Per rendere l’acqua ancora più efficace, diverse fonti affermano che un “twist” ulteriore si otterrebbe aggiungendo a un bicchiere d’acqua calda il succo di un limone: grazie agli enzimi contenuti nell’agrume, infatti, il fisico assorbirebbe meglio la pectina, un enzima che favorisce il senso di sazietà e favorirebbe così il dimagrimento. Il limone, inoltre, è ricco di vitamine così come di potassio, calcio e magnesio, essenziali per la salute.

Quando berla?
Il momento migliore per un bicchiere d’acqua calda è limone è al mattino, appena svegli, così da regalarsi una fermata di energia. Ma non ci sono controindicazioni a bere durante l’intera giornata. L’unico consiglio da seguire è quello di non seguire diete improvvisate, ma di farsi sempre accompagnare nel percorso da un medico o un nutrizionista.