Insieme alla primavera, l’autunno è il momento ideale per visitare i laghi di Plitvice, in Croazia, una meraviglia della natura dal 1979 Patrimonio dell’Unesco e area protetta. Se in primavera i bacini sono stracolmi d’acqua e di conseguenza le cascate sono particolarmente rigogliose, a settembre i boschi si ammantano dei colori dell’autunno, moltiplicati dai bacini in uno spettacolo di grande suggestione.
A metà strada tra Zagabria, capitale della Croazia, e Zara in Dalmazia, il parco Nazionale dei Laghi di Plitvice è formato da 16 laghi alimentati da due fiumi e da sorgenti sotterranee. I laghi sono collegati tra loro da una serie di cascate, che si estendono in un canyon calcareo. I viali e i sentieri escursionistici si snodano intorno ai laghi e una barca elettrica collega i 12 laghi superiori e i 4 laghi inferiori, dove si trova la Veliki Slap, una cascata di 78 metri.

Una meta tra le più belle del mondo
Il complesso dei laghi di Plitvice è considerato una delle destinazioni sull’acqua più belle del mondo, soprattutto per i diversi colori assunti nel corso della giornata e delle diverse stagioni. Dall’azzurro al verde, dal grigio al blu, i colori cambiano continuamente in base alla quantità di minerali presenti nell’acqua e ai riflessi della luce.
All’interno del Parco ci sono 3 hotel (Jezero, Plitvice e Bellevue), mentre a 6 e 15 km ci sono due campeggi. E a settembre si trova posto ovunque.