Consumare meno acqua e utilizzare meno trattamenti fitosanitari, per un prodotto finale (mais dolce, fagioli, piselli e pomodori) più buono in tutti i sensi. È questo l’obiettivo del piano triennale avviato in Italia dalle cooperative di Conserve Italia, consorzio che riunisce 14 mila produttori e raggruppa i marchi Cirio, Valfrutta, Yoga, Derby Blue e Jolly Colombani.

Obiettivo risparmio idrico
In numeri, anzi in percentuale, lo scopo è risparmiare il 7% dell’acqua consumata nelle colture orticole da industria, peraltro quelle che necessitano di maggiore apporto idrico. Partecipano al progetto di innovazione agronomica, che sta completando la fase di sperimentazione presso tre aziende agricole delle province di Ferrara e Piacenza, anche l’Università Statale di Milano e, con un finanziamento, la Regione Emilia Romagna. Il progetto prevede inoltre lo sviluppo di un software gestionale pensato per aiutare gli agricoltori a capire quando e quanto irrigare un terreno, in modo da evitare gli sprechi. Anche qui, dopo una iniziale fase di sperimentazione l’obiettivo è quello di estendere il nuovo programma su tutte le coltivazioni gestite da Conserve Italia, pari a circa 15 mila ettari di terreno.