Se siete dei fan irriducibili dell’acqua gassata, quella frizzantina che pizzica il palato, vi sarete fatti anche voi la classica domanda: “fa ingrassare”? State tranquilli, la risposta è no. L’acqua – pure addizionata di anidride carbonica o effervescente naturale – è sempre ad apporto calorico uguale a zero. Insomma, le bollicine non possono mettere a repentaglio la linea. Però c’è un però: l’acqua frizzante potrebbe far gonfiare – anche se temporaneamente – l’addome. Certo, anche questo piccolo problema può essere arginato diminuendo la quantità di acqua gassata – molti la amano così tanto da non potervi rinunciare – oppure alternandola con quella naturale, così da mantenere piacere e ventre piatto.

Controindicazioni delle bollicine?
Adesso sappiamo che l’acqua addizionata di anidride carbonica non fa ingrassare, ma nemmeno disseta di più, come sostengono i suoi sostenitori. Si tratta solo di una percezione a livello sensoriale: la sua capacità di idratazione è infatti identica a quella naturale. Tuttavia, l’acqua frizzante potrebbe provocare tosse e singhiozzo in alcuni individui e non è indicata per persone che soffrono di disturbi come ernia iatale, malattia da reflusso gastroesofageo e gastrite. A parte qualche piccola accortezza per poche categorie di consumatori, non ci sono vere e proprie controindicazioni a consumare l’acqua gassata: l’importante invece è bere, soprattutto adesso con le temperature estive!