E’ uno dei classici della cucina ligure, un vero e proprio antesignano dello street food. La farinata di ceci è a metà tra una schiacciata e una torta salata, con poche calorie, un ottimo apporto di proteine e un gusto inconfondibile. Una bontà “povera” che si può preparare facilmente anche a casa, senza dover per forza frequentare i caruggi genovesi… Perfetta anche per i vegani, ecco la versione con una dose “ridotta” di olio e quindi molto leggera.

Ingredienti per 4 persone

  • 900 ml di acqua a temperatura ambiente
  • 300 grammi di farina di ceci
  • 50 grammi di olio extravergine
  • sale qb
  • rosmarino qb

Preparazione

  • Mettere la farina di ceci in una ciotola e darle la forma a fontana: versare al centro l’acqua poco alla volta, mescolando stando attenti a che non si formino grumi. Continuare a mescolare fino a quando il composto non sarà omogeneo (resterà liquido, è normale!)
  • Coprire la ciotola con la pellicola trasparente e lasciare riposare per almeno 5 ore (meglio 8), mescolando di tanto in tanto
  • Terminato il tempo di posa, togliere con la schiumaiola la schiuma che si è formata sulla superficie del composto
  • Aggiungere olio, sale e mescolare
  • L’impasto serve per 3 teglie da 30 centimetri di diametro circa, quelle che si usano anche per la pizza: versare il composto nella teglia precedentemente unta e livellarlo con una spatola. L’altezza dell’impasto è minima, circa 0,5 cm.
  • Infornare nel forno statico preriscaldato a 250°C. Lasciare nella parte bassa del forno per i primi 10 minuti, poi spostare nella parte alta del forno per altri 10-15 minuti, fino a quando la farinata non sarà dorata
  • Decorare, se piace, con un po’ di origano e servire calda.