Quando e quanto vanno lavati gli indumenti che utilizziamo? La risposta arriva da un’inchiesta condotta dal Daily Mail, che ha coinvolto diversi esperti. Partendo dal presupposto che l’igiene è necessaria – anche per la salute – bisogna d’altro canto tenere conto anche le esigenze dell’ambiente. Sprecare acqua quando non serve, abusare di detersivo e ammorbidenti e ancora consumare energia per raggiungere alte temperature sono comportamenti che andrebbero valutati con attenzione. E, soprattutto, sappiamo quello che facciamo? Vale la pena lavare così tanto? Ecco qualche indicazione a seconda dei capi e del loro utilizzo.

Pantaloni
E’ un capo che va lavato tutte le volte che lo si indossa. La ragione? I pantaloni coprono la zona inguinale, dove si possono trovare i batteri stafilococco aureo. “Di norma la nostra convivenza con i batteri è innocua” ha detto al Daily Mail la microbiologa Katie Laird della De Montfort University. Però “la mia ricerca ha dimostrato che alcuni microrganismi sopravvivono al lavaggio a 40°C; quindi se si lavora in un ospedale, in un asilo nido o in un ambiente veterinario, consiglierei di lavare i vestiti a 60°C. Ma per i pantaloni 40°C possono bastare”.

Reggiseno
La dottoressa Laird raccomanda di cambiare il reggiseno spesso, data la vicinanza dell’indumento alle ghiandole sudoripare. Però, non esistono regole fisse: è una scelta soggettiva che dipende dal clima, se si suda, dall’attività svolta. In ogni caso, un lavaggio in lavatrice a 40C è sufficiente.

Jeans
Secondo il Ceo della Levi’s, Chip Bergh, i jeans non andrebbero mai lavati. Per i fan del denim, basta ogni tanto un bagno in acqua fredda con un po’ di aceto bianco per ravvivare il tessuto ed eliminare le macchie. Per i comuni mortali, l’indicazione è di lavarli ogni due utilizzi.

Calze
Non ci sono se e ma: le calze, come la biancheria intima, richiedono un lavaggio dopo ogni utilizzo. Per avere la sicurezza di eliminare batteri e funghi, gli esperti di igiene consigliano un lavaggio a 60°C.

Abbigliamento da palestra
Tute, body, leggins e magliette da palestra in Lycra sono capi che devono essere lavati in lavatrice in acqua fredda poiché il calore può danneggiare le fibre. Per abiti in cotone o altre fibre, gli esperti consigliano di immergerli periodicamente in acqua o aceto prima di metterli in lavatrice e lavarli a 60°C.